Kinetec: come e quando serve

RIABILITAZIONE E MOBILITAZIONE PASSIVA

 
La mobilizzazione passiva è la mobilizzazione di una o più giunture senza il movimento attivo del muscolo. Il fisioterapista, con le sue competenze e conoscenze fisiologiche e anatomiche, può praticarla manualmente o in alternativa eseguirla tramite dei macchinari terapeutici che si muovono in maniera automatizzata.
 
I principali effetti che la mobilizzazione passiva produce sono: la stimolazione delle cellule perisinoviali che secernono la sinovia, migliorare l'irrorazione cartilaginea da parte del liquido sinoviale, rilasciare parzialmente i muscoli, elasticizzare alcuni tessuti soprattutto di tipo connettivo (tendini, cicatrici).
 
Con la mobilizzazione passiva si ricerca di dare sollievo al dolore e a livello funzionale di raggiungere un ROM (arco di movimento) adeguato all'obiettivo prefissato.
La mobilizzazione passiva consiste nel movimento di un articolazione in tutte le direzioni possibili, senza contrazione muscolare da parte del paziente e può essere eseguita da un fisioterapista oppure da una macchina come il Kinetec.
 

Quando serve la mobilizzazione passiva?

 
La mobilizzazione passiva serve quando il movimento di un’articolazione è limitato, come ad esempio a causa di un intervento chirurgico, spasmo muscolare come un torcicollo o di una grave infiammazione. Nei casi di trapianto del crociato anteriore, grazie alla mobilizzazione passiva c’è stata la riduzione di complicanze come la rigidità e gravi ipotrofie muscolari ed inoltre ha favorito la fissazione del neo-legamento. La mobilizzazione passiva serve nei pazienti allettati a causa di gravi patologie, serve per muovere e mantenere l’escursione articolare, oltre che nel prevenire aderenze,  retrazioni ed indebolimento muscolare.
 
 

Quali sono gli effetti della mobilizzazione passiva?

 
Nella membrana sinoviale ci sono le cellule perisinoviali, questa membrana è una struttura che secerne un liquido lubrificante nell’articolazione. Questo fluido, chiamato sinovia, è necessario per ottenere il movimento fluido e non doloroso dell’articolazione. La mobilizzazione passiva stimola la secrezione del liquido sinoviale. Il paziente ha dei muscoli contratti per reazione di difesa. Con la mobilizzazione passiva, questi si rilassano, inoltre i tessuti molli (retratti) si allungano, migliora la circolazione sanguigna e soprattutto il nutrimento del tessuto cartilagineo. Il dolore diminuisce principalmente nei pazienti che hanno subito un intervento o un infortunio in fase acuta.
 
 
 
 

Il Kinetec: la riabilitazione e la mobilitazione passiva

 
Il Kinetec è un apparecchio utilizzato nella prima fase della riabilitazione post-operatoria. Lo scopo di questa terapia è il ripristino del movimento motorio dell'articolazione, interessata da patologie trattate chirurgicamente (acromioplastica, artroscopia per tendinite calcifica,  artroscopia per lesioni sopraspinali, sinoviectomie, tenotomia) e non trattate chirurgicamente (lesione della cuffia dei rotatori, lesioni del nervo brachiale, frattura dell’omero, artriti, tendinopatie, traumi contusivi)
 
Il Kinetec permette il movimento dell’articolazione interessata per un periodo di tempo stabilito, muovendola gradualmente applicando un determinato movimento. Gli obiettivi di questo metodo riabilitativo sono il trattamento dei tessuti in fase di guarigione, il controllo del dolore post operatorio e la riduzione dell'infiammazione.
 
 
 
Patologie Trattate dal Kinetec
 
  • Trattamenti chirurgici di fratture e pseudoartrosi
  • Trattamenti post-mobilizzazione
  • Operazioni su tessuti molli
  • Artrotomia, 
  • Artroscopia
  • Impianti endoprostetici
  • Chirurgia ricostruttiva
  • Meniscectomie e suture meniscali
 
 
A seconda delle proprie preferenze e necessità, il dispositivo é disponibile nella versione con supporti per gamba morbidi, o su richiesta in quella con supporti semirigidi.

Richiedi un preventivo gratuito

1000 caratteri rimanenti

Perché NOLEGGIARE DA noi

  • Personale qualificato
  • Spedizione gratuita in 4 ore
  • Ausili certificati
  • Nessun costo cauzionale